“Memoria difensiva per Mariano Stinga” di Antonino De Angelis

Questo libro racconta la storia straordinaria di un giovane nato in una famiglia di marinai e marinaio egli stesso. Catturato in una delle ricorrenti razzie piratesche viene condotto schiavo nella roccaforte di Tunisi. Riesce, grazie alla sua audace intraprendenza, a introdursi nel palazzo del Bey dove, notato dal Sovrano, non tarda ad entrare nelle sue grazie fino a diventarne segretario personale e consigliere fidato per oltre venti anni. Il protagonista si chiama Mariano Stinga ed era nato nel 1751 in un borgo rurale della Penisola Sorrentina; chiuderà la parabola della sua vita il 20 dicembre del 1814 decapitato tra i marmi lucenti del palazzo del Bardo.